Le FFS hanno trovato un difetto nascosto nella protezione anti-intrappolamento in 5 porte (Keystone)

Treni sicuri, ma più controlli

Dopo l'incidente mortale del capotreno a Baden le FFS aggiungono revisioni speciali ai convogli

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I vagoni dei treni EV 4 risultano sicuri, pertanto possono continuare a viaggiare: è quanto emerso dalla conferenza stampa tenuta dalle FFS mercoledì dopo che un capotreno di 54 anni, sabato 3 agosto a Baden, è rimasto incastrato nelle porte al momento della chiusura ed è stato trascinato riportando ferite mortali. Nonostante, dopo il controllo di 364 porte e del processo di autorizzazione per la partenza dei treni della stazione, le Ferrovie federali hanno trovato un difetto nascosto nella protezione anti-intrappolamento in 5 porte.

Le FFS hanno però sottolineato che oltre ai controlli di manutenzione regolari, verranno aggiunte delle revisioni speciali più approfondite su tutti i sensori, in particolare su quelli che danno il via libera al macchinista.

Pare non essere la prima volta che dei controllori rimangono incastrati fra le porte di un treno. Alcuni dipendenti infatti, dopo l’accaduto, l'avrebbero riferito alla direzione, per questo il processo di elaborazione dell’incidente sarà ancora lungo, soprattutto per capire come mai questa volta l’uomo non sia riuscito a liberarsi.

Intanto le FFS, hanno invitato tutti i collaboratori a seguire tutte le norme necessarie per la loro sicurezza sul lavoro. È stato infatti confermato che a volte alcuni procedimenti non vengono eseguiti correttamente al fine di guadagnare magari qualche minuto su un ritardo accumulato nella tratta.

 
RG/Nad
Condividi