Turisti asiatici fuori dal gruppo

Gli ospiti dell'estremo oriente iniziano a capire che spostarsi da soli o in piccoli gruppi è meno stressante

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il modo in cui i turistici asiatici visitano la Svizzera e l'Europa sta iniziando a cambiare. Siano essi cinesi, di Singapore o di altri Paesi, gli ospiti dell'Estremo Oriente hanno iniziato a spostarsi da soli o in piccoli gruppi e hanno iniziato a scoprire che è un modo di viaggiare molto meno stressante rispetto agli spostamenti organizzati in grandi comitive.

Un modo di viaggiare sempre più in voga, secondo i dati di Svizzera Turismo. "Una decina di anni fa solo il 10% viaggiava da solo oppure in un gruppo composto al massimo da 5 persone. Ora questa proporzione è del 35-40%", spiega Véronique Kanel.

Un'indipendenza che fa rima con appartamenti da affittare, auto da noleggiare e spesa nei supermercati locali fatta direttamente dai singoli turisti, anche grazie a internet. Un nuovo modo di viaggiare che si traduce in visitatori meno affrettati e che si godono il tempo libero. "Constatiamo che il turista individuale rimane in Svizzera da 3 giorni fino a una settimana più a lungo. E in alcuni casi anche di più", sottolinea Véronique Kanel.

TG/M. Ang.

Condividi