Foto d'archivio (Keystone)

Tutti i test gratuiti? No degli Stati

La Camera dei cantoni propone che il costo dei test sia parzialmente coperto nella revisione della legge COVID-19

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Consiglio degli Stati non vuole che tutti i test di screening siano gratuiti. Con 33 voti contro 12, propone che il costo dei test sia parzialmente coperto nella revisione della legge COVID-19. Questa decisione dovrà essere esaminata di nuovo dal Consiglio Nazionale.

La Camera del Popolo ha chiesto che tutti i test siano gratuiti, poiché ha ritenuto che questo tipo di screening risponda ormai a un'esigenza di salute pubblica. Gli incentivi per farsi vaccinare non producono più risultati tangibili e la copertura vaccinale sta diminuendo con la somministrazione dei primi vaccini.

Il Consiglio degli Stati propone dei test gratuiti, ma con delle eccezioni. In particolare, i test di convenienza sarebbero esclusi. Charles Juillard (Centro/JU) ha sostenuto che "i test gratuiti permettono di individuare più presto i focolai di infezione", ma ha ammesso che una tale misura potrebbe anche essere limitata nel tempo.

Il Consiglio federale rifiuta la gratuità. Con questa proposta di compromesso, i costi per la Confederazione sarebbero dimezzati, ma ammonterebbero comunque a 41 milioni di franchi in più a settimana, ha detto il ministro della sanità Alain Berset. La vaccinazione è una decisione personale e chi la rifiuta dovrebbe sopportarne le conseguenze, ha concordato Damian Müller (PLR/LU).

Il Consiglio Nazionale dovrà riconsiderare la questione.

ATS/M. Ang.
Condividi