TG
20
di lunedì 22.04.2019

Etichette a semaforo per gli alimenti

TG 20 di lunedì 22.04.2019

Un semaforo per mangiar bene

Il sistema Nutri-Score è già adottato in Francia e Belgio, e se ne discute l'utilizzo anche in Svizzera, tra dubbiosi ed entusiasti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un sistema unificato di etichette sugli alimenti che faccia capire chiaramente al consumatore se sta acquistando un alimento sano oppure no. In Francia un sistema di valutazione del genere esiste già, il cosiddetto Nutri-Score: un'etichetta a "semaforo", dal verde al rosso.

In Svizzera ogni produttore sceglie la propria via per informare il pubblico, ma l'Ufficio federale della sicurezza alimentare inviterà martedì i rappresentanti del settore per cercare di rendere appetibile l'idea di un sistema armonizzato, valido per tutti.

Utilizzato in Francia dal 2017

Rosso per meno sano, verde per più sano. Un sistema facile da capire e che accoglie il consenso di Prisca Birrer-Heimo, presidente della Fondazione per la protezione dei consumatori: "La gente non sa più di quale etichetta si può fidare e di quale no - ha spiegato - Con Nutri-Score invece abbiamo una definizione indipendente, credibile, scientificamente fondata. Ed è importante che ci concentriamo su un unico sistema, in modo che le consumatrici e i consumatori possano fare dei confronti facilmente e in fretta."

Da marzo i primi prodotti (della ditta Danone) che utilizzano questi sistemi sono presenti anche in Svizzera, ma la Fondazione dei consumatori chiede di introdurre Nutri-Score all'intero settore alimentare.

I dubbi dell'industria

L'associazione dell'industria alimentare ha preso posizione per ora solo in forma scritta esprimendo critiche su queste etichette che, a suo avviso, semplificano troppo quella materia complessa che è l'alimentazione.

Tra le bevande, solo l'acqua minerale può fregiarsi dell'etichetta
Tra le bevande, solo l'acqua minerale può fregiarsi dell'etichetta "A" (pixabay)

Ogni produttore intanto segue la propria strategia: Nestlé sostiene i processi di verifica in corso in Europa su vari sistemi di valutazione; Unilever desidera un sistema unico valido per tutta l'Europa; Coca Cola sta testando un suo sistema a semaforo, diverso però da Nutri-Score. Una soluzione condivisa e armonizzata appare quindi ancora lontana.

"Effetti positivi sul consumatore"

Vari studi pubblicati sulla rivista scientifica Nutrients, sembrerebbero intanto confermare un impatto positivo sulle scelte dei consumatori quando dispongono di etichette in formato "semaforico". Questo non solo sulla qualità, ma anche sulla quantità degli alimenti scelti.

Guarda la puntata di Patti chiari: "Il Semaforo nel piatto"

TG/Bleff
Condividi