Doris Leuthard durante la conferenza stampa in cui ha difeso l'aumento del prezzo del contrassegno autostradale
Doris Leuthard durante la conferenza stampa in cui ha difeso l'aumento del prezzo del contrassegno autostradale (KEYSTONE)

"Più cara la vignetta o la benzina"

L'alternativa ai 100 franchi per il contrassegno sono sei centesimi in più al litro, dice Doris Leuthard

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'alternativa a portare a 100 franchi il costo del contrassegno autostradale, oggetto in votazione il 24 novembre, è un aumento di 6 centesimi al litro del prezzo della benzina. A dirlo, in un'intervista concessa a 24 Heures e Tribune de Genève, è la consigliera federale Doris Leuthard.

Non si può che ricorrere a una di queste due opzioni, afferma, se si vogliono finanziare nuovi collegamenti (fra cui quello dell'A2-A13 nel Locarnese) e affidare alla Confederazione la manutenzione di 400 km di strade oggi di competenza cantonale.

L'intervento sul carburante sarebbe indipendente dall'incremento di 12-15 centesimi della tassa sugli olii minerali già previsto dal Governo e che "entrerà in vigore qualunque sia il risultato alle urne", afferma la responsabile del Dipartimento dei trasporti e dell'energia. La proposta sarà messa in consultazione in gennaio, con lo scopo di creare un nuovo fondo per le infrastrutture che possa finanziare i "3'000 ponti e 200 tunnel" bisognosi di risanamenti. Senza di esso, fra il 2016 e il 2030 la rete stradale lascerebbe nei conti federali un buco superiori al miliardo di franchi all'anno.

ATS/pon


Condividi