“Misure insufficienti, serve di più”

Mattia Lepori (EOC) sulle decisioni ticinesi: “Ticino il peggiore della Svizzera, bisogna seguire l’esempio di Ginevra” – Protesta anche l’Ordine dei medici

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La situazione epidemiologica in Ticino resta preoccupante nonostante il netto calo del numero di nuovi contagi. Oggi (lunedì) sono 61 i casi accertati, ed era dalla fine di ottobre che il dato non scendeva sotto quota 100. Ci sono comunque stati 8 morti e il numero delle persone ricoverate rimane elevato (352 ricoverati, 51 in cure intense).

Una situazione che preoccupa da tempo il mondo sanitario, tanto che l'Ordine dei medici ha indetto per domani un momento di protesta proprio a fronte “di appelli rimasti inascoltati”. A partire dalle 14 i medici sono chiamati ad esporre su finestre e balconi un camice bianco.

Una preoccupazione espressa ai microfoni della RSI anche dal vice capo area medica dell'Ente Ospedaliero Cantonale Mattia Lepori:

Come giudica le la presa di posizione odierna del Governo Ticinese, che si è sostanzialmente allineato a quanto proposto da Berna lo scorso mercoledì?

“Personalmente le giudico piuttosto negativamente. Ritengo che la situazione attuale del Canton Ticino, che è ben peggiore del resto della Svizzera, avrebbe richiesto l’introduzione di misure supplementari. Molto bene quindi che si accetti che la Confederazione decida di prolungare la chiusura dei locali pubblici fino alla fine del mese prossimo, tuttavia questo calo dei contagi del 19%, che andrà confermato nelle prossime settimane, non mi sembra una ragione sufficiente per essere soddisfatti”.

Possiamo quindi dire che il mondo sanitario non è stato ascoltato questa volta?

“Penso che ci sia sempre una questione di ponderazione degli interessi nelle decisioni del Consiglio di Stato, ma io ritengo dal punto di vista strettamente sanitario queste misure si rivelano insufficienti. Il calo dei contagi può essere forse legato alla chiusura di bar e ristoranti, e penso che in parte lo sia, ma in parte è stato anche legato alla diminuita mobilità perché la gente era in vacanza. Adesso le persone ricominciano a muoversi, per andare a scuola o al lavoro, e sappiamo che c’è una correlazione assolutamente evidente tra l’aumento della mobilità e l’aumento dei contagi. Pertanto io non sono per niente tranquillo di fronte alle settimane che ci aspettano.”

La variante inglese, in questo senso, la preoccupa ulteriormente?

“È una dimensione di cui non abbiamo ancora misurato esattamente gli effetti sul territorio nazionale ed è quindi un’incognita in più. Io non voglio essere allarmista di fronte a questa variante perché non ho gli elementi per farlo, penso però che è un ulteriore elemento che imporrebbe prudenza.”

Dottor Lepori, il mondo sanitario ticinese ha parlato con il Governo e ha proposto nuove misure?

“Le misure che si sono rivelate efficaci le conosciamo tutti e io penso che in Svizzera, e lo ripeto da diversi mesi, quello che si deve fare ce lo ha mostrato il Canton Ginevra. Il Cantone ha fatto una chiusura che non era un vero e proprio lockdown: le attività produttive non sono state interrotte, ma sono state chiuse le attività commerciali non essenziali, e il Canton Ginevra sta beneficiando ancora adesso di questa serrata effettuata nel mese di novembre, con un tasso di contagi e di ricoveri che sono tre volte inferiori a quelli ticinesi. Misure che quindi sono state prese precocemente e di cui il cantone beneficia ancora adesso.”

CSI-Calcagno/dielle
Condividi