Le aggregazioni nel Basso Mendrisiotto

Il Quotidiano di mercoledì 22.06.2022

Una veduta del Mendrisiotto scattata dall'Alpe Caviano (TI-Press)

Aggregazione in salsa momò

Allo studio una fusione di sei comuni del Basso Mendrisiotto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Torna a spirare aria di aggregazione nel Basso Mendrisiotto, per creare un nuovo polo di circa ventimila abitanti e dar forma così alla terza città del canton Ticino. Sei comuni – Chiasso, Vacallo, Morbio Inferiore, Breggia, Balerna e Novazzano – sono entrati in una fase chiamata di "pre-studio" e hanno tenuto una giornata di approfondimento su questo tema a Mezzana, a cui hanno partecipato una novantina di persone, tra sindaci, municipali e rappresentanti di associazioni locali.

SEIDISERA del 22.06.2022: Nel Mendrisiotto si parla di aggregazione
SEIDISERA del 22.06.2022: Nel Mendrisiotto si parla di aggregazione

Ora tocca al Dipartimento delle istituzioni, in particolare alla Sezione degli enti locali, elaborare uno studio aggregativo che analizzi le potenzialità di questo nuovo polo, tenendo conto anche degli aspetti più critici e problematici. Economia, innovazione, posti di lavoro, finanze pubbliche, gestione in comune di temi come quello dei trasporti, della protezione dell’ambiente, della formazione. Questi alcuni dei temi da affrontare e approfondire. Per poi capire, e questo è il punto fondamentale, se i sei comuni vorranno davvero procedere compatti verso la loro aggregazione. Con Chiasso e Vacallo, in particolare, che premono sull’acceleratore per giungere ad una votazione consultiva verso la fine del 2023.

Questo progetto aggregativo ha però bisogno di uno sforzo di convincimento, visto che Novazzano e Balerna hanno già espresso le loro perplessità, pur partecipando alla fase di pre-studio. E qui pesa in particolare la solidità economica e finanziaria di questi comuni. E il senso di appartenenza della popolazione locale.

Tutto questo in un distretto in cui ci sono – le possiamo chiamare così – due "isole felici", Stabio e Castel San Pietro che si sono già chiamate fuori da questa spinta aggregativa, sospinte dai loro progetti e dalla loro forza finanziaria. Basti dire che Castel San Pietro ha un moltiplicatore del 55%, il più basso del canton Ticino. Mentre nella parte alta del Mendrisiotto il capoluogo sta consolidando la propria aggregazione, in un distretto in cui c’è anche chi ambisce – e lo dice anche il piano cantonale delle aggregazioni – ad un solo e unico comune.

SEIDISERA del 23.06.2022: Aggregazione Mendrisiotto, l'approfondimento
SEIDISERA del 23.06.2022: Aggregazione Mendrisiotto, l'approfondimento
SEIDISERA del 24.06.2022: Basso Mendrisiotto e aggregazione: i contrari
SEIDISERA del 24.06.2022: Basso Mendrisiotto e aggregazione: i contrari
 
Roberto Porta e Matteo Bernasconi
Condividi