La diga del Sambuco, in Val Lavizzara (archivio Ti-Press)

Allarme al Sambuco

Pioggia sempre intensa. La diga in Val Lavizzara a rischio sfioro. Il caposettore dell’OFIMA Nicola Ferretti alla RSI: "Non avvicinatevi a fiumi e torrenti" 

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il bacino del Sambuco, in Val Lavizzara, inizierà a sfiorare nelle prossime dodici ore e lo stesso rischio vale per i bacini di Robiei, Cavagnoli e Naret. Lo rendono noto lunedì mattina le Officine Idroelettriche della Maggia (OFIMA), precisando che a valle delle dighe sono da attendersi improvvisi quanto pericolosi aumenti della portata dei fiumi Bavona e Maggia.

(google maps)

Le abbondanti precipitazioni di questi ultimi giorni hanno ingrossato fiumi e specchi d’acqua. Per questo Nicola Ferretti, caposettore dell’OFIMA, ha affermato ai microfoni della RSI che è il caso di evitare di avvicinarsi a fiumi e torrenti, rimanendo pure lontani da ponti o passaggi vicini ai corsi d’acqua. Ferretti ha rimarcato che si tratta di un evento straordinario, che “capita un paio di volte ogni dieci anni”, i cui effetti sono in pratica gli stessi di "un temporale locale molto forte": indurrà a scaricare molta acqua a valle e per questo si vuol rendere attenta la popolazione e si raccomanda la massima prudenza. Non sono del resto previsti sgomberi di abitazioni legati allo sforamento del bacino.

 

La situazione rimane delicata in Vallemaggia e in altre aree nel Sopraceneri, dove la pioggia continua a cadere più intensamente rispetto ad altre zone del cantone. Lunedì la Maggia a Solduno aveva una portata intorno a 909 m3/sec., dopo che in precedenza aveva raggiunto i 1'071 metri cubi. L'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) stima che la portata del fiume supererà i 1'500 m3 e potrebbe sfiorare i 2'000 metri cubi nella notte su martedì.

Dighe colme

Dighe colme

Il Quotidiano di lunedì 21.10.2019

 

Allerta prolungata

MeteoSvizzera ha prolungato fino a martedì alle 9 l'allerta di grado 3 per le precipitazioni riguardante: Moesano, Bellinzonese, Blenio, Leventina, Luganese e Riviera.

EnCa/joe.p
Condividi