Airolo dovrebbe tornare ai suoi panorami abituali d'inverno, con il paese imbiancato dalla neve
Airolo dovrebbe tornare ai suoi panorami abituali d'inverno, con il paese imbiancato dalla neve (@Archivio Ti-Press)

Arriva la neve anche a sud delle Alpi

Dopo circa un mese di siccità, le valli dell'alto Ticino e del Moesano saranno di nuovo imbiancate - Attesi venti tempestosi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dal 6 gennaio scorso a sud delle Alpi il clima è stato totalmente asciutto, mentre le deboli perturbazioni che hanno riguardato il resto della Svizzera hanno soltanto generato, secondo MeteoSvizzera, "ripetute ricadute favoniche". Sta di fatto che, eccezion fatta per quei fiocchi portati da nord in Leventina, Vallemaggia, Val di Blenio e Val Bedretto che hanno accumulato a terra qualche centimetro di manto bianco, altrove gli accumuli di neve hanno brillato soprattutto per la loro assenza.

Meteo regionale

Meteo regionale

I colori del tempo

Nei prossimi giorni sull’Europa verrà a crearsi una forte corrente settentrionale che farà giungere aria umida e abbastanza fredda verso la Svizzera, generando uno sbarramento a nord della catena alpina che sarà fonte di nevicate estese oltre San Gottardo, con 50-90 centimetri di neve fresca previsti sopra i 1'000 metri tra lunedì e mercoledì sera e 10-30 sopra i 400 metri.

Neve in Ticino, ma solo nel Sopraceneri

E al sud? Le nevicate attese oltre le Alpi si faranno sentire anche nella Svizzera italiana. Interesseranno l'alto Ticino e le vallate del Grigioni italiano per le quali è stata diramata un'allerta di grado 3. In Val Bedretto entro mercoledì si attendono fino a 40 centimetri di coltre bianca, mentre nelle zone superiori di Leventina, Blenio, Calanca e Mesolcina si dovrebbero cadere tra i 15 e i 25 centimetri, che potrebbero diventare oltre 30 in Alta Valmaggia.

Locarno Monti precisa che durante la fase più intensa del fenomeno, tra lunedì sera e martedì mattina, "una spolverata di neve potrebbe imbiancare almeno temporaneamente anche le montagne del Locarnese e del Bellinzonese". Ma a farsi sentire sarà soprattutto il vento. La perturbazione al nord provocherà un forte favonio che arriverà fino in pianura.

MeteoSvizzera ha diramato un allerta 3 a causa di venti tempestosi per tutta la regione alpina valida dalle 12 di lunedì alle 12 di martedì. In Ticino a basse quote le raffiche arriveranno a 75-95 chilometri all'ora, ma a 2'000 metri potranno raggiungere i 150. Nei Grigioni se ne prevedono anche di più violente. la velocità del vento potrebbe raggiungere i 160 orari anche a St. Mortiz.

Non sembra perciò che i paesaggi imbiancati si vedranno nel Sottoceneri; del resto MeteoSvizzera conclude rilevando che già nella “seconda metà della settimana il tempo sembra ristabilirsi abbastanza rapidamente".

Danni nel nord Europa. Un morto nel Brandeburgo

Bufera negli USA e in Europa

Bufera negli USA e in Europa

TG 12:30 di domenica 30.01.2022

 

Lo spostamento verso l'Atlantico dell'anticiclone che ha garantito settimane di tempo soleggiato e asciutto a gran parte dell'Europa centro-occidentale ha cominciato a manifestare i suoi effetti nel nord della Germania che, come la costa est degli Stati Uniti, è confrontata con violenti piogge all'origine di diverse inondazioni e raffiche di vento fino a 130 chilometri orari che hanno provocato anche un morto. Nel Brandeburgo un ragazzo ha perso la vita dopo essere stato colpito da un cartellone pubblicitario. a Amburgo una nave è rimasta incastrata sotto un ponte a causa dell'ingrossamento del fiume Elba. Il mercato del pesce cittadino è stato allagato.

 

Sempre informati con RSIMeteo

Condividi