L'integrazione delle nuove infrastrutture nel paesaggio devastato dalla frana
L'integrazione delle nuove infrastrutture nel paesaggio devastato dalla frana (©arge strata)

Bondo, un esempio per tutti

Il progetto per la ricostruzione dopo la frana del 2017 candidato dalla Svizzera al Premio per il paesaggio del Consiglio d'Europa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il progetto di ricostruzione di quanto distrutto nel 2017 dalla tragica frana del Pizzo Cengalo a Bondo, in Val Bregaglia, è stato nominato per il Premio del paesaggio del Consiglio d'Europa assegnato ogni due anni. Lo ha reso noto l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), spiegando che integra in modo armonico opere di protezione contro i pericoli naturali e paesaggio rurale storico.

Al voto il progetto per risistemare Bondo

Al voto il progetto per risistemare Bondo

Il Quotidiano di mercoledì 27.01.2021

 

Denominato "Strata" ("strati", dal latino "stratum"), il progetto sul quale i cittadini di Bregaglia voteranno domenica, ha convinto la giuria incaricata di selezionare la candidatura svizzera al riconoscimento europeo. L'approccio esemplare scelto dal Comune per preservare gli elevati valori del suo paesaggio culturale e il suo patrimonio architettonico, garantendo al tempo stesso la migliore protezione possibile contro i pericoli naturali, ha fatto pendere l'ago della bilancia a favore della nomina, scrive l'Ufficio federale.

Il punto forte dell'approccio scelto - prosegue la nota - sta nel fatto che non cerca di ripristinare la situazione antecedente le distruzioni causate dalla frana, ma lascia invece spazio nel paesaggio a possibili eventi naturali. Inoltre, stabilisce parametri per altri Comuni che devono convivere con pericoli naturali.

Diem/ATS
Condividi