(La paletta esplosiva "imboscata" - Foto: polizia cantonale)

Carico esplosivo in galleria

Autista fermato e denunciato a Locarno: è transitato nella Mappo-Morettina con 358 chili di micce detonanti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un 45enne autista italiano domiciliato nel Locarnese, alla guida di un furgone di una ditta di trasporti, è stato fermato giovedì per un controllo a Locarno in Via Vallemaggia. Durante le verifiche sul carico è stata trovata una paletta con scatole contenenti micce detonanti, dei tubi esplosivi utilizzati per forature, demolizioni e lavori edili, per un peso di 358 chili.

Il carico pericoloso era stato “caricato, senza essere assicurato, dietro altra merce in modo da non poter essere notato al momento dell'apertura del veicolo” scrive la polizia in un comunicato.

Non bastasse, è pure stato accertato che il mezzo aveva percorso precedentemente la galleria Mappo-Morettina, un transito severamente vietato, e che non era adatto al trasporto di merce pericolosa. Una volta bloccato il furgone, si è quindi atteso l’arrivo di un mezzo idoneo. Infine l’autista non era neppure in possesso dei permessi necessari a questo tipo di trasporti.

Il 45enne è stato denunciato al ministero pubblico e all'ufficio giuridico della sezione della circolazione per grave infrazione alla legge federale sulla circolazione stradale e alla Legge federale che regola il trasporto di merci pericolose su strada.

Anche la ditta verrà denunciata per “concessa guida a persona non adeguatamente formata al trasporto di merci pericolose e a persona priva di autorizzazione per la categoria richiesta (categoria E), per aver ordinato il trasporto con un mezzo non autorizzato a trasportare esplosivo nonché per aver autorizzato il passaggio in una galleria semi-autostradale vietata al trasporto di merci pericolose. La multa ammonterà a diverse migliaia di franchi” conclude la nota della polizia.

Scoperto trasporto illegale di esplosivo

Scoperto trasporto illegale di esplosivo

Il Quotidiano di venerdì 24.05.2019

 
PP/dielle
Condividi