La Clinica Sant'Anna di Sorengo dove avvennero i fatti imputati al dottor Rey (archivio Ti-Press)

Caso Rey, l'accusa non ricorre

Si chiude il caso del ginecologo che asportò per errore i seni a una paziente alla clinica Sant'Anna di Sorengo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il caso del dottor Piercarlo Rey, il ginecologo che 6 anni fa alla clinica Sant'Anna di Sorengo asportò per errore entrambi i seni a una paziente si è chiuso: dopo che la difesa aveva deciso negli scorsi giorni di non ricorrere contro la sentenza del Tribunale d'appello del mese scorso, ora anche l'accusa dice che va bene così. Il Procuratore pubblico Pablo Fäh ha deciso infatti di non inoltrare ricorso al Tribunale federale.

La Corte di appello aveva confermato il reato di lesioni colpose gravi ma ridimensionato la pena inflittagli in prima istanza, passando da 8 mesi sospesi ad una pena pecuniaria sospesa di 11'550 franchi. Inoltre, aveva "implicitamente ammesso che la responsabilità del tragico errore medico non può essere attribuita al solo chirurgo in un contesto che vede la presenza di numerosi medici e specialisti all’interno del blocco operatorio", avevano commentano gli avvocato difensori Renzo Galfetti e Tuto Rossi.

RG/Bleff
Condividi