La
La "porta della Svizzera" a Chiasso (tipress)

Centro Ovale, chiusura evocata

Lo conferma il rappresentante della proprietà Van der Planken. A rischio 140 posti di lavoro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Alcuni degli inquilini del Centro Ovale di Chiasso - ne restano una decina in tutto - nelle prossime settimane potrebbero abbandonare l’emporio di Via Chiesa.

Senza la possibilità di aprire la domenica il rilancio sembra ormai una chimera e l’opzione della chiusura, come ha confermato il rappresentante della proprietà Frédéric Van der Planken al Corriere del Ticino, non viene più esclusa.

A rischio ci sono 140 posti di lavoro. E in caso di serrata “la porta della Svizzera rimarrà una costruzione vuota e desolata, testimonianza di come gli imprenditori stranieri vengono trattati dal Governo ticinese”, aggiunge Van der Planken.

joe.p.

Condividi