Il vescovo della diocesi di Lugano
Il vescovo della diocesi di Lugano (keystone)

Chiesa aperta ai rifugiati

Una ventina le lettere di disponibilità giunte in diocesi dopo l’appello del vescovo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Ticino non è insensibile al dramma dei rifugiati che sono giunti o giungeranno in Europa. Una settimana fa il vescovo di Lugano aveva invitato i religiosi ad attivarsi per reperire luoghi dove far soggiornare gli immigrati in difficoltà. Un invito sollecitato anche dal Governo ticinese, seguendo una strategia a livello nazionale.

I preti hanno risposto in questi giorni positivamente: secondo il vicario episcopale don Claudio Mottini sono una ventina le comunicazioni di disponibilità giunte alla diocesi dopo l’appello di monsignor Valerio Lazzeri, soprattutto dal Sottoceneri.

Non è del resto facile, rileva Mottini, trovare sistemazioni confacenti fra gli immobili di proprietà; numerosi sono in affitto, altri non sono adatti. È probabile che nei prossimi giorni giungeranno altre segnalazioni anche da privati.

RedMM/CSI/mas

 
Condividi