Digitale, ma non senza persone

Attenzione sui media e sulle aziende al Media Tech Day all'Università di Lugano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La rivoluzione digitale è stata protagonista a Lugano all'Università della Svizzera italiana per il Media Tech Day. L'attenzione sabato è stata posta in particolare sui media e sulle aziende; diversi i rappresentanti di questi due settori che hanno cercato di spiegare quali sono le sfide e le opportunità in questi settori.

"Il tema dell'innovazione tecnologica deve essere riportato al fatto che l'innovazione non è una cosa che si crea in modo artificiale, ma è soprattutto fatta di persone che siano il più diverse possibili perché solo così, solo con persone che si raccontano o che si fanno delle domande, si può generare l'idea innovativa", ha esordito in un'intervista alla RSI la relatrice Valentina Giannella, esperta di comunicazione strategica e contenuti digitali. Aggiungendo che solo domande come: "che ruolo posso giocare io nella vita del mio cliente, consumatore, ascoltatore?" possono portare a dei buoni risultati e questo, ha detto, non può essere sostituito da "nessun tipo di algoritmo".

Le piccole aziende rappresentano in Ticino il 90% delle attività, abbiamo dunque chiesto al professor Emanuele Carpanzano, direttore del Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI se le aziende che non vogliono o non possono adattarsi alla rivoluzione digitale per mancanza di mezzi e risorse, stanno o meno perdendo il treno.

"La rivoluzione o trasformazione digitale è un fatto che ormai tocca tutti, anche le nostre vite quotidiane di tutti i giorni. Quindi anche le piccole medie imprese devono essere consapevoli che una trasformazione digitale non vuol dire necessariamente rivoluzionare un'azienda. Vuol dire capire come migliorare i propri processi, diventare più efficienti, più efficaci, magari soddisfare meglio i propri clienti attraverso un utilizzo intelligentemente adeguato di queste tecnologie", ha affermato.

Riflettori sulla rivoluzione digitale

Riflettori sulla rivoluzione digitale

Il Quotidiano di sabato 19.10.2019

Tra i relatori del Media Tech Day anche Enrico Mentana Direttore del TG LA 7 e fondatore del sito di informazione Open. Gli abbiamo allora chiesto quale pensa che sia il futuro dei media televisivi con l'avvento di internet e di tutte le nuove tecnologie.

"La televisione sempre di più sarà consumata on demand da ciascuno. Come, quanto, quando e all'ora che vuole", ci ha risposto aggiungendo che chiaramente bisogna pensare anche agli sviluppi necessari nel fornire l'informazione anche attraverso gli smartphone, utilizzati soprattutto dai giovani.

Per vedere l'intervista integrale qui il servizio passato al TG delle ore 20.00.

 

CSI/Nad
Condividi