Il progetto alla stazione di Lugano
Il progetto alla stazione di Lugano (©Ti-Press)

Duecento milioni per i campus

Il Gran Consiglio ticinese approva un credito di 53,2 milioni e due prestiti per complessivi 150 milioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il canton Ticino si farà banca, con la novità di un prestito cantonale, per la costruzione di tre nuovi campus universitari: della SUPSI presso le stazioni di Lugano e Mendrisio e congiunto USI-SUPSI a Viganello. Il Gran Consiglio ha accolto oggi (lunedì), con 58 sì, nessun no e l'astensione leghista, un credito di 53,2 milioni di franchi e due prestiti: di 140,5 milioni per le costruzioni e di 10 milioni per l'acquisto di un terreno delle FFS.

Le strutture, dal costo di 265 milioni, permetteranno lo sviluppo logistico del sistema universitario della Svizzera italiana: gli spazi attuali sono saturi, in parte inadeguati o in affitto.

Il messaggio governativo non è stato esente da critiche: per l'aver messo USI e SUPSI sotto lo stesso tetto a Viganello, la mancata partecipazione grigionese, la collocazione dell'istituenda facoltà di biomedicina e il controllo della spesa.

 

In caso di superamento, la commissione ha auspicato che il Parlamento si pronunci su un nuovo prestito. La Lega non si è accontentata, chiedendo che questo valga per i singoli cantieri e che l'erogazione dei fondi avvenga in tre tronconi. L'emendamento, nell'essenziale, è stato bocciato.

Stefano Pongan

Dal Quotidiano

Condividi