Approvvigionamento che potrebbe non essere garantito nei mesi freddi
Approvvigionamento che potrebbe non essere garantito nei mesi freddi (tipress)

Energia, uno stato maggiore contro la crisi

Anche il Ticino si prepara ad affrontare l'eventuale crisi che potrebbe profilarsi questo inverno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Per affrontare tempestivamente la carenza di elettricità e gas al quale la Svizzera potrebbe essere confrontata in autunno e in inverno, il Ticino potrà avvalersi di uno stato maggiore cantonale di condotta, come auspicato da Berna e come già era stato il caso durante la pandemia. Sarà chiamato a coordinare la gestione della crisi e a fornire il supporto a strutture e servizi attivi sul territorio.

 

È quanto ha comunicato il Consiglio di Stato dopo la riunione di mercoledì, nell'attesa di conoscere le intenzioni della Confederazione riguardo alle misure di riduzione dei consumi.

L'Esecutivo ricorda come già prima dell'estate sia stato attivato un gruppo di lavoro con il Dipartimento delle istituzioni, quello delle finanze e dell'economia e l'Azienda elettrica ticinese, allo scopo di predisporre il necessario apparato organizzativo. All'indirizzo della popolazione, inoltre, sarà allestito un piano di comunicazione complementare a quello federale, volto ad informare su eventuali difficoltà e su come affrontarle.

Una misura analoga a quella ticinese era già stata annunciata dai Grigioni una settimana fa.

 
pon
Condividi