La decisione è stata presa dall'assemblea dell'Ente regionale di sviluppo del Luganese
La decisione è stata presa dall'assemblea dell'Ente regionale di sviluppo del Luganese ( © Ti-Press)

Ente regionale, meno poteri

Quello per lo sviluppo del Luganese rinuncia a un "ruolo di governance"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Ente regionale di sviluppo del Luganese (ERS-L) perde poteri e peso politico. Lo ha deciso l'assemblea dell'ente, approvando sei risoluzioni. A pesare, si legge sul Corriere del Ticino, sono stati soprattutto i voti di Lugano, Agno, Bioggio, Manno e Capriasca.

"In particolare l'ERS rinuncia a ogni ruolo nell'ambito della governance, della gestione e coordinamento di progetti di interesse per l'agglomerato, recita una delle risoluzioni. Di conseguenza sono sospese le attività del Gruppo tecnico di supporto e la collaborazione strutturata con IRE-USI nell'ambito del Laboratorio per l'agglomerato del Luganese".

Congelati anche gli approfondimenti per il "Modello innovativo" e il "Fondo PIL". All'ERS viene però confermato il ruolo di rappresentante dei Comuni nei confronti del Cantone sui temi istituzionali e, in particolare, per quanto riguarda la piattaforma di dialogo Cantone-Comuni e il progetto "Ticino 2020", scrive il quotidiano.

RED. MM/M.Ang.

Dal Quotidiano:

Ente ridimensionato

Ente ridimensionato

Il Quotidiano di giovedì 15.10.2015

Condividi