Sotto la lente i prodotti dell'artigianato e della ristorazione
Sotto la lente i prodotti dell'artigianato e della ristorazione (creative commons)

Glutine, celiaci ingannati

Il Laboratorio cantonale ha trovato tracce del complesso proteico nel 13% del campione di prodotti dichiarati privi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I controlli del Laboratorio cantonale su un campione di prodotti senza glutine ha rivelato che il 13% contiene il complesso proteico al contrario di quanto dichiarato. Un dato preoccupante per chi soffre di celiachia.

L'obiettivo della campagna era mettere in evidenza che per produrre derrate senza glutine è necessario una solida base teorica su come evitare qualsiasi contaminazione.

"Ultimamente molti operatori alimentari si danno al senza glutine per moda. In alcuni posti dove manca la professionalità, il celiaco viene ingannato da situazioni che non corrispondono alla realtà", spiega il direttore del Laboratorio Marco Jermini.

Oltre a rappresentare un rischio per la salute dei consumatori celiaci, si tratta anche di una violazione dell'ordinanza concernente le informazioni sulle derrate alimentari, che prevede delle sanzioni. "L'obiettivo però non è sanzionare, ma far passare il messaggio che non si può improvvisare la preparazione di derrate alimentari senza glutine senza conoscere alcuni aspetti", conclude Jermini.

CSI/eb  

 

Condividi