Definito il nuovo volto del Parlamento ticinese (archivio tipress)

Gran Consiglio, gli eletti

I 90 nomi della prossima legislatura, tra assenze eccellenti e riconferme

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Da Franco Denti che all’ennesimo cambio di casacca – e con una campagna che ha fatto tanto discutere – non ce l’ha fatta, a Germano Mattei e la sua Montagna Viva che scompaiono da Palazzo delle Orsoline… i nomi di chi si ripresentava per l'elezione del Gran Consiglio ticinese ed è stato bocciato alle urne non mancano nemmeno in questo 2019.

Oltre a quelli già fatti, ecco i nomi di chi non siederà più – suo malgrado – in Parlamento: il liberale radicale Giovanni Pagani, gli UDC Paolo Pamini e Cleto Ferrari, la pipidina Sara Beretta Piccoli e per la Lega Ivano Lurati, Andrea Zanini, Felice Campana, Daniele Casalini, Nicholas Marioli, Maruska Ortelli, Giancarlo Seitz.

Ed ecco infine tutti i candidati eletti e il numero di voti raccolti:

Partito liberale radicale (PLR), 23 seggi: Alex Farinelli (54'246 voti), Bixio Caprara (46'260), Nicola Pini (43'649), Natalia Ferrara (41'058), Alessandro Speziali (40'900), Sebastiano Gaffuri (40'829), Fabio Käppeli (38'307), Alessandra Gianella (36'751), Giorgio Galusero (36'412), Fabio Schnellmann (36'356), Giovanna Viscardi (36'262), Matteo Quadranti (35'975), Cristina Maderni (35'735), Maristella Polli (35'632), Michela Ris (35'317), Giacomo Garzoli (34'480), Aron Piezzi (34'226), Alessandro Cedraschi (33'842), Alex Gianella (33'824), Roberta Passardi (33'388), Diana Tenconi (33'123), Omar Terraneo (32'613) e Marco Bertoli (31'431).

Lega dei ticinesi, 18 seggi: Daniele Caverzasio (40'020 voti), Boris Bignasca (39'719), Attilio Bignasca (38'224), Michele Foletti (31'179), Amanda Rückert (34'997), Michele Guerra (33'896), Fabio Badasci (31'926), Sem Genini (29'670), Massimiliano Robbiani (28'965), Mauro Minotti (27'118), Sabrina Aldi (26'881), Eolo Alberti (26'865), Enea Petrini (26'587), Andrea Censi (26'570), Bruno Buzzini (26'422), Omar Balli (26'290), Leila Guscio (26'189) e Stefano Tonini (26'172).

PPD, 16 seggi: Giorgio Fonio (36'686 voti), Fiorenzo Dadò (32'875), Nadia Ghisolfi (30'602), Luca Pagani (29'605), Maurizio Agustoni (29'231), Sabrina Gendotti (29'132), Claudio Franscella (28'939), Lorenzo Jelmini (28'562), Marco Passalia (28'040), Fabio Battaglioni (27'574), Giovanni Berardi (26'836), Claudio Isabella (25'251 voti, Generazione Giovani), Paolo Caroni (25'162), Maddalena Ermotti-Lepori (24'654), Sara Imeli (24'435) e Alessio Ghisla (23'879 voti, Generazione Giovani).

PS, 13 seggi:: Ivo Durisch (30'939 voti), Anna Biscossa (27'802), Fabrizio Sirica (25'811), Henrik Bang (25'770), Laura Riget (24'506), Raoul Ghisletta (34'391), Bruno Storni (24'226), Carlo Lepori (21'318), Gina La Mantia (20'519), Tatiana Lurati Grassi (20'415), Simona Buri (19'622), Daniela Pugno-Ghirlanda (19'542) e Nicola Corti (19'506).

UDC, 7 seggi: Piero Marchesi (18'596 voti), Lara Filippini (16'116), Sergio Morisoli (15'468), Tiziano Galeazzi (14'455), Roberta Soldati (14'078), Daniele Pinoja (12'813) e Edo Pellegrini (9'564).

Verdi, 6 seggi: Nicola Schoenenberger (14'324 voti), Samanta Bourgoin (14'318), Claudia Crivelli Barella (13'630), Marco Noi (11'738), Cristina Gardenghi (11'252) e Ronnie David (10'688).

MPS, 3 seggi: Matteo Pronzini (16'530 voti), Angelica Lepori Sergi (6'536) e Simona Arigoni Zürcher (5'009 voti).

Più Donne, 2 seggi: Tamara Merlo (8'089 voti) e Maristella Patuzzi (5'874 voti).

Partito comunista, 2 seggi: Massimiliano Ay (6'728) e Lea Ferrari (4'583).

 
dielle
Condividi