A Splügen gli occupanti di un'auto travolta dalle acque se la sono vista davvero brutta (KapoGR)

Grigioni flagellati dal maltempo

Ingenti danni in Mesolcina e Valle del Reno - Evacuazioni a Cama e Medels - A Splügen salvati gli occupanti di un'auto finita in un riale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le piogge della notte tra martedì e mercoledì hanno causato notevoli danni in diverse regioni dei Grigioni. Non si segnalano vittime, ma il bilancio è pesante tanto che l'A13 è chiusa al traffico da Roveredo a Thusis. Sopra Splügen si è anche rischiata la tragedia. Due persone sono state salvate in extremis dalle acque di un torrente. L’auto nella quale si trovavano è finita nella Hüscherabach e hanno potuto essere liberate solo grazie all’intervento di un autogru. La strada del Passo è stata chiusa.

 

La più colpita appare essere la Mesolcina che è tagliata in due poco a sud di Soazza a causa della chiusura tanto dell’autostrada A13 quanto della cantonale. A Cama due famiglie sono state costrette ad allontanarsi dalle proprio case a causa della situazione di pericolo.

L'A13 invasa dal materiale a Medels
L'A13 invasa dal materiale a Medels (KapoGR)

Ma anche nella Valle del Reno posteriore vari enti di pronto intervento sono all’opera per ripristinare la situazione dalle conseguenze di una decina di ore di precipitazioni di rara intensità. Anche a Medels l’autostrada è stata invasa dal materiale. Nella stessa località una fattoria è stata evacuata nottetempo. Hanno dovuto essere allontanati sia la famiglia di contadini che si trovavano in casa sia gli animali nella stalla.

In Bregaglia la strada cantonale, chiusa precauzionalmente tra Stampa e Promontogno, è sta riaperta.

Informazioni precise sulla situazione delle strade nazionali e cantonali sono disponibili sul sito www.strassen.gr.ch.

La Moesa in piena a Roveredo
La Moesa in piena a Roveredo (©Keystone/Ti-Press/Samuel Golay)

In poche ore sul Moesano sono caduti 90- 100 litri d’acqua al metro quadrato. Una quantità che non si vedeva da tempo. Ha ridato vita anche a riali secchi da anni. I corsi d’acqua hanno convogliato a valle notevoli quantità di materiale che hanno ostruito numerose griglie e bacini di protezione. La Mesolcina mercoledì mattina appariva alquanto minacciosa. Per il suo colore scurissimo. E per la sua portata. Alle 08.30 a Lumino era di oltre 600’000 litri al secondo. Sei volte quella massima registrata martedì e circa 24 volte la media del periodo estivo.

 
Diem
Condividi