Lo scorso anno erano stati 6 i lupi uccisi in incidenti stradali o ferroviari
Lo scorso anno erano stati 6 i lupi uccisi in incidenti stradali o ferroviari (Archivio keystone)

Grigioni, morti tre lupi e una lince

Due maschi uccisi dal treno, una femmina è stata probabilmente sbranata da altri predatori – Soppresso felino malnutrito e "spavaldo"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo le notizie del ritorno del lupo in Mesolcina e le predazioni di inizio settimana, questa mattina (giovedì) è emerso che recentemente nei Grigioni due lupi sono stati uccisi dal treno, una lupa solitaria è stata probabilmente sbranata da un branco di predatori, mentre una lince malnutrita è stata soppressa dal guardiano della selvaggina. Lo annunciano la polizia cantonale grigionese e KORA, la fondazione svizzera che si occupa dell'ecologia dei carnivori e della fauna selvatica.

Grigioni Sera del 19.01.21 - Lupi in Mesolcina, il servizio di Alessandro Tini
Grigioni Sera del 19.01.21 - Lupi in Mesolcina, il servizio di Alessandro Tini
 

Sabato mattina presto nella gola del Reno, nei pressi di Valendas in Val Surselva (GR), un giovane lupo è morto a seguito di una collisione con un treno. Un altro esemplare giovane è stato investito e ucciso da un treno nella Valle dell'Albula, tra Alveneu Bad e Filisur.

Una lupa sbranata da altri lupi e una lince malnutrita e senza paura soppressa

Nella prima settimana di gennaio, ricorda poi sempre KORA, nei pressi di Pigniu in Surselva, è stata rinvenuta una lupa adulta morta. Il primo sospetto è che fosse stata vittima di un'azione di bracconaggio, ma l'ipotesi non ha trovato conferma. In base alle prime analisi si può ritenere che l'animale sia stato ammazzato dal branco di lupi del Ringelspritz, a difesa del suo territorio. Non è ancora stato possibile accertare la provenienza della femmina uccisa. La carcassa si trova ora presso il centro di medicina veterinaria e dei pesci e degli animali selvatici dell'Università di Berna e, dopo un'analisi del DNA, potrà essere chiarita la provenienza (branco di appartenenza).

Nella Val Schons una giovane lince è stata invece soppressa dal guardiano della selvaggina. L'animale era molto magro, sostava sempre più spesso vicino a un villaggio e non mostrava alcuna paura degli esseri umani. Sono in corso delle indagini per stabilirne le cause.

ATS/dielle
Condividi