I droni della Posta tornano a volare

Il servizio sospeso maggio scorso riprenderà inizialmente sulla rete fra gli ospedali luganesi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I droni della Posta torneranno a trasportare campioni di laboratorio a partire dal 27 gennaio e la rete dell’Ente ospedaliero cantonale ticinese (EOC), con le sue sedi dell’Ospedale Regionale di Lugano, il Civico e l'Italiano, sarà la prima in cui riprenderanno servizio.

CSI 18.00 del 23.01.2020 Il servizio di Francesco Gabaglio
CSI 18.00 del 23.01.2020 Il servizio di Francesco Gabaglio
 

Lo annuncia giovedì l'ex regia, che aveva sospeso i voli nel maggio dello scorso anno e incaricato esperti indipendenti dell’aviazione di fare luce sui processi di sicurezza. Esperti che hanno nel frattempo concluso il loro lavoro, attestando che sia l'azienda che lo sviluppatore dei velivoli, la Mattenet, danno le necessarie garanzie. Hanno inoltre formulato quattro raccomandazioni, che si è già iniziato ad attuare. Per mantenere bassi i rischi, in caso di scostamenti dai valori standard sono previsti atterraggi controllati con il paracadute.

I droni permettono ai campioni di arrivare a destinazione fino a 45 minuti prima rispetto a un corriere in auto. Dopo i due incidenti che avevano comportato lo stop al servizio sono stati effettuati oltre 2'000 test per complessivi 17'000 chilometri percorsi.

pon
Condividi