Il cellulare acceso o spento a scuola è diventato esercizio di civica alle Medie di Canobbio (Archivio Ti-Press)

Il telefonino diventa civica

Gli allievi delle Scuole Medie di Canobbio si sono espressi sul tenere o meno il cellulare acceso nell'istituto dopo dibattiti e confronti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tutti gli allievi delle Scuole Medie di Canobbio hanno affrontato oggi, giovedì, un tema particolare legato all’insegnamento della civica. Si sono infatti espressi su una domanda assai sentita come il sapere se "è giusto tenere il telefono spento durante l’orario scolastico".

Il direttore, Andrea Von Felten, ha spiegato ai microfoni della RSI come sono stati coinvolti i 348 studenti dell’istituto, precisando che "i ragazzi di quarta hanno sottolineato quali sono gli oggetti a favore oppure contrari" a questo tema e hanno poi esposto l’esito di tale valutazione davanti a tutti i ragazzi.

Il direttore delle Medie di Canobbio ha ricordato che dopo la preparazione "i docenti hanno fatto un passo indietro" e soltanto i ragazzi di quarta "hanno dibattuto davanti ai compagni". Tre giovani a favore e tre contrari si sono confrontati, moderati da un compagno, di fronte a una platea di circa 80 allievi delle classi di prima, seconda o terza.

E il voto? Andrea Von Felten segnala che "in maggioranza i ragazzi si sono detti favorevoli al fatto di poter tenere il telefonino acceso durante le lezioni ma non in tutte le fasce scolastiche". Il direttore ritiene inoltre interessante che "le quarte si siano espresse favorevolmente allo spegnimento" del cellulare e sono proprio quelle classi che maggiormente si sono "formate" e hanno dissertato sull’argomento.

Condividi