La ricerca di un posto (KEYSTONE)

"In Ticino è un disastro"

L'associazione "50 e più" ha aperto un'antenna per sostenere i disoccupati "anziani" al Sud delle Alpi, dove la situazione è particolarmente grave

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il deterioramento sociale in Ticino è denunciato da quasi un decennio dall'associazione "50 e più", che 6 mesi fa ha aperto un'antenna a sud delle Alpi dove ritiene che la situazione sia particolarmente grave.

Il fenomeno è già radicato nel mercato del lavoro elvetico. E tende ad aggravarsi con più difficoltà di reintegro ed il conseguente ricorso all'assistenza sociale, senza contare i casi di sottoccupazione, prepensionamento forzato e di ricorso ad attività indipendenti.

"Non c'è più riguardo. Ed argomentazioni del tipo "il 50enne non è dinamico" sono sempre più frequenti", spiega Luigi Miriello vicepresidente nazionale dell'associazione 50 e più.

C'è poi la casistica di chi tenta l'avventura di un'attività indipendente non sempre con successo. "Ma è un grande rischio", aggiunge Miriello.

Comunque il mondo politico si sta muovendo, pensiamo la legge sulla rendita ponte a livello federale  e le misure mirate a livello cantonale per i disoccupati sopra i 55anni. "Si muove perché ormai questa è un'evidenza", conclude Miriello.

CSI/redMM
Condividi