Christian Imark, mentre discute con Amin Casutt e Matteo Briccola
Christian Imark, mentre discute con Amin Casutt e Matteo Briccola (Keystone)

La Valtellina torni svizzera

Due giovani grigionesi portano a Berna un’interpellanza che chiede l’annessione della valle

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A 220 anni dalla perdita della Valtellina da parte dei Grigioni si torna a parlare di un’annessione della vallata lombarda alla Svizzera. A doversene occupare sarà il Consiglio federale che dovrà esaminare un’interpellanza del consigliere nazionale dell'UDC Christian Imark nella quale è stata condensata la proposta avanzata da due giovani grigionesi.

I territori delle Tre Leghe fino al 1797: in grigio i territori sudditi dal 1512
I territori delle Tre Leghe fino al 1797: in grigio i territori sudditi dal 1512 (Wikipedia/Marco Zanoli)

I 16enni Matteo Briccola di Domat-Ems e Amin Casutt Coira hanno potuto portare fino alla Berna federale la loro idea grazie a un'iniziativa della Federazione svizzera dei parlamenti dei giovani. Tramite la piattaforma engage.ch ha raccolto all’incirca 700 proposte di giovani tra i 16 e i 25 anni. Sono state sottoposte a 11 parlamentari che si sono fatti carico di altrettante richieste.

Il testo chiederà al Consiglio federale di esprimersi sulla questione, se è cosciente che valtellinesi e grigionesi vorrebbero riunirsi dopo la separazione napoleonica, ma pure di chiarire quale sarebbe la procedura da seguire per il ricongiungimento delle terre restate sotto il dominio retico dal 1512 al 1797.

Diem/GrigioniSera del 12.06

Condividi