Per molti politici è d'obbligo regolamentare la cannabis in Ticino
Per molti politici è d'obbligo regolamentare la cannabis in Ticino (Reuters)

"La cannabis va regolamentata"

Interrogazione inoltrata da 34 deputati chiede che si attui un disciplinamento adeguato per questa droga leggera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un gruppo interpartitico composto da 34 granconsiglieri rappresentanti otto formazioni politiche ha inoltrato mercoledì un’interrogazione al Consiglio di Stato sulla regolamentazione del mercato della cannabis in Ticino. Il testo ha come primo firmatario Fabio Käppeli (PLR).

Le tredici domande contenute nel testo si basano su uno studio condotto dall’Università di Berna che ha dimostrato che il 91% dei campioni di cannabis prelevati in Svizzera sono contaminati e che il livello di THC è cresciuto in misura esponenziale da alcuni anni a questa parte. Nel testo si mostra anche una panoramica dei progetti di regolamentazione avviati negli altri cantoni e sull'andamento della legalizzazione altrove in Europa.

L’interrogazione sottoposta al Governo giunge alla conclusione secondo la quale è d’obbligo porre in atto pure in Ticino sperimentazioni di modelli di disciplinamento del mercato della marijuana, predisponendo contemporaneamente una serie di misure di limitazione dei rischi che sia anche al passo coi tempi.

EnCa

Dal Quotidiano 19.00:

Il ritorno della canapa

Il ritorno della canapa

Il Quotidiano di mercoledì 26.10.2016

Condividi