Il viola delle piazze ha portato il rosa negli Esecutivi
Il viola delle piazze ha portato il rosa negli Esecutivi (©Pixabay)

La carica delle 83 municipali

Neggio e Sorengo avranno un Municipio a maggioranza rosa - A Tenero Contra e Breggia le donne saranno 3 su 7 eletti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli Esecutivi ticinesi si tingono di rosa. Un rosa ancora pallido, ma... per la prossima legislatura, le donne che avranno responsabilità di governo nei Comuni ticinesi sono 83: 24 del PLR, 20 delle Liste civiche, 16 del PPD, 15 tra Sinistra e Verdi, 8 tra Lega e UDC.

Due  i Municipi che vedono la maggioranza al femminile: Neggio - con Antonella Notari (PPD), Sabrina Fehr (PPD) e Tristana Martinetti (Gruppo Unione) - e Sorengo con Antonella Meuli (PPD), Lydia Terrani (PLR) e Valentina Zeli (Sinistra unita). A questi due Comuni avrebbe potuto aggiungersi anche Massagno dove risultano elette Sabrina Gendotti (PPD), Simona Rusconi (PPD) e Gabriella Bruschetti Zürcher (PLR). Quest'ultima, però, ha legami di parentela con il sindaco e quindi dovrà essere designato/a un/a subentrante. Da segnalare poi due Comuni dove la compagine comunale di sette vedrà tre donne nell'Esecutivo: Tenero Contra - con Monique Balestra Krid (PLR),  Simona Canevascini Venturelli (Sinistra/Verdi) e Tiziana Matasci (Lega) - e Breggia - con Cristina Cattaneo (PLR), Fabiola Jelmini (PPD e Mariella Maghetti (PPD) -.

 

Unica città senza donne nell'Esecutivo: Bellinzona. A Locarno ci sarà Nancy Lunghi (Sinistra unita), a Mendrisio Francesca Luisoni (PPD) e Françoise Gehring Amato (Alternativa Verdi - Sinistra) e a Lugano Karin Valenzano Rossi (PLR) e Cristina Zanini Barzaghi (PS).

Le 83 municipali (in media una per ogni Comune chiamato alle urne) rappresentano meno del 18% di tutti i membri degli Esecutivi. Gli uomini eletti tra domenica e lunedì sono stati 394.

m.c.

Errata corrige

Nella prima versione dell'articolo siamo incorsi in un errore scrivendo che le donne elette erano 84. In realtà sono 83 e ad Acquarossa la maggioranza si conferma maschile. Ce ne scusiamo.

Condividi