La montagna può aspettare

L'appello degli alpinisti della Svizzera italiana: "Rimanete a casa"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un incidente in montagna fino a quando non sarà finita l'emergenza coronavirus non fa altro che sovraccaricare un sistema sanitario già sotto pressione.

Alcuni alpinisti della Svizzera italiana - anche attraverso i loro canali social - richiamano al senso di responsabilità individuale e invitano a rimanere a casa, a rinunciare alle vette e a dedicarsi ad altro. Le montagne non si muovono e sanno aspettare.

Un appello che si affianca a quello delle autorità, ma che sembra faticare a far breccia, alla luce anche dell'ultimo intervento della Rega sui Monti di Sementina per recuperare due giovani infortunatesi.

Sport, meglio non improvvisare

Sport, meglio non improvvisare

Il Quotidiano di sabato 04.04.2020

La polizia interviene

La polizia interviene

Il Quotidiano di sabato 04.04.2020

 
mrj
Condividi