Immagine d'archivio
Immagine d'archivio (©Ti-Press)

Lanzo dice no a 12 profughi

Sono state raccolte oltre 500 firme nel paese sul versante italiano del Monte Generoso

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un gruppo di abitanti di Lanzo d'Intelvi, paese sul versante italiano del Monte Generoso, hanno promosso una petizione e raccolto oltre 500 firme contro la decisione — imposta dalle autorità — di ospitare 12 profughi in una struttura privata gestita da Caritas. Ma non solo: per protesta, infatti, alcuni chiedono pure le dimissioni del sindaco.

"Non potevamo opporci", ha detto Enrico Manzoni, sindaco, ai microfoni di Romina Lara delle Cronache della Svizzera italiana, "l'orizzonte temporale potrebbe raggiungere i due anni: l'anno di passaggio per l'identità e l'anno di passaggio per il ricongiungimento delle famiglie".

Domani sera è stato convocato un incontro tra Manzoni e i cittadini contrari al progetto. E se le premesse sono queste non mancheranno le scintille...

RedMM/CSI

Condividi