Immagine d'archivio
Immagine d'archivio (tipress)

Maltempo: danni alle colture

La pioggia e la grandine che hanno spazzato il Ticino, soprattutto nel Mendrisiotto, hanno causato i primi danni all'agricoltura

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il maltempo ha spazzato il Ticino tra domenica e le prime ore di lunedì. La grandine, caduta nel Sottoceneri e in particolare nel Mendrisiotto, ha causato i primi danni, anche ingenti, alle colture.

Lampi, tuoni e vento

Lampi, tuoni e vento

Il Quotidiano di lunedì 30.04.2018

 

Il temporale, evento meteorologico tipico dell’estate, è arrivato però fuori stagione. “Ieri è passata una linea temporalesca, un fronte freddo, la cui intensità è stata degna di nota: per esempio 25 litri per metro quadrato in un’ora a Lugano: siamo lontani dai record ma in questa stagione sono valori abbastanza rari”, ci spiega Guido Della Bruna dall’osservatorio di MeteoSvizzera a Locarno Monti.

Il vento è stato eccezionalmente forte: raffiche fino a 97 km/h a Lugano, 83 km/h a Cevio e 82 km/h a Cadenazzo, ma questo dopo il passaggio della linea temporalesca. “È stata una seconda linea attiva più con il vento che con le precipitazioni, arrivata verso le 2.30 di notte”, aggiunge Della Bruna: "Valori non da record ma che si misurano raramente".

CSI-DD/ludoC

Condividi