Un cliente ticinese a Varese
Un cliente ticinese a Varese (© Ti-Press)

Meno spesa in Italia

Il turismo degli acquisti è in calo in Ticino: lo confermano i dati dell'Amministrazione federale delle dogane

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il turismo degli acquisti è in calo in Ticino. Si tratta di una tendenza generale, visto che lo stesso dato è stato rilevato anche nel resto della Svizzera. Questo, in sintesi, è il quadro che emerge da un'inchiesta della Handeszeitung, che ha preso in considerazione, fra l'altro, i dati dell'Amministrazione federale delle dogane.

I pagamenti dell'IVA effettuati dalle persone al momento di introdurre merce nella Confederazione sono scesi nel primo trimestre 2016 del 3,2%. Analizzando i dati dei pagamenti effettuati con carte Maestro nelle regioni di frontiera emerge che a Costanza è stato registrata una flessione, la prima dal 2012, e che una tendenza simile è riscontrabile pure a Ginevra e a sud delle Alpi.

Entrando nel dettaglio, in due dogane ticinesi, nel Sottoceneri e nel Sopraceneri, si nota la stessa tendenza al ribasso. Alla dogana di Lugano-Ponte Tresa, il pagamento dell'IVA sulla spesa con le carte di credito nel periodo che va dal primo gennaio 2016 al 30 settembre 2016 è stato mediamente di 16'508 franchi al mese (nel settembre del 2015 era di 16'941 fr.). Scenario simile pure al valico di Locarno-Madonna di Ponte (Brissago) dove il totale ammonta medialmente a 19'397 franchi al mese (nel settembre del 2015 era di 22'763 fr.).

"Il picco dei volumi di acquisti degli svizzeri è ormai raggiunto", ipotizza Bertram Paganini, esperto della camera di commercio e d'industria di Costanza in Germania. Questo anche perché da una parte c'è il problema del traffico e dei posteggi, e dall'altra i ribassi di prezzo si fanno notare anche in Svizzera: Aldi e Lidl stanno svolgendo in tal senso un ruolo importante e anche Migros e Coop si muovono. Non è escluso che sul calo rilevato possa pesare anche una maggiore presa di coscienza da parte dei consumatori svizzeri, nel voler sostenere maggiormente l'economia locale.

joe.p.

Condividi