Nicola Pini, nuovo presidente del Gran Consiglio
Nicola Pini, nuovo presidente del Gran Consiglio (tipress)

Nicola Pini primo cittadino

Il liberale-radicale, neo municipale di Locarno, succede a Daniele Caverzasio - Seconda vicepresidenza: la spunta Nadia Ghisolfi, candidata "selvaggia"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nicola Pini è il nuovo presidente del Gran Consiglio ticinese. Il liberale-radicale è stato eletto dal plenum oggi, lunedì, alla successione del leghista Daniele Caverzasio, che ha diretto i lavori nel corso dell'ultimo anno - segnato dalla pandemia - e che nel suo discorso di commiato ha citato Henry Ford: "Quanto tutto sembra andare male, ricordati che gli aerei decollano contro vento".

Giunto in Parlamento nell'aprile del 2015, Pini era stato riconfermato nel 2019, entrando a far parte dell'ufficio presidenziale (era primo vicepresidente negli ultimi 12 mesi). Il 18 aprile era stato eletto anche nel Municipio di Locarno. Ha ricevuto oggi 78 voti. "Il nostro dovere di politici è prima di tutto quello di essere buoni antenati", ha detto, prima di fare riferimento a sua volta alla situazione pandemica, che ha costretto a "scelte" e "esempi di responsabilità", come la rinuncia, oggi, ai festeggiamenti per l'elezione, al termine dei lavori parlamentari.

Gina La Mantia è la nuova prima vicepresidente
Gina La Mantia è la nuova prima vicepresidente (tipress)

Nessun sorpresa neanche per la prima vicepresidenza, con la socialista Gina La Mantia: anche in questo caso la rotazione è stata rispettata e la finora seconda vicepresidente non ha avuto rivali. Per lei 74 voti.

Nadia Ghisolfi e Maddalena Ermotti-Lepori
Nadia Ghisolfi e Maddalena Ermotti-Lepori (tipress)

La nuova seconda vicepresidente, nelle intenzioni del PPD a cui spettava la carica (o perlomeno della maggioranza dei deputati popolari-democratici) doveva essere Maddalena Ermotti-Lepori, politica di esperienza (aveva fra l'altro presieduto il Consiglio comunale di Lugano) e con una lunga carriera professionale e nelle associazioni della società civile, dal Sì alla Vita all'ACSI... anche se solo alla seconda legislatura quale deputata e a lunga distanza dalla precedente esperienza ('94-'99).

 

Una rottura della consuetudine che vede piuttosto premiata una lunga appartenenza al Legislativo cantonale, ha argomentato Nadia Ghisolfi, che pur dicendo di stimare la collega di partito ha quindi deciso di proporre la propria candidatura alternativa... e l'ha avuta vinta con 56 voti contro i 26 della candidata ufficiale del partito.

Nicola Pini presidente del Parlamento TI

Nicola Pini presidente del Parlamento TI

Il Quotidiano di lunedì 03.05.2021

Dal Gran Consiglio

Dal Gran Consiglio

Il Quotidiano di lunedì 03.05.2021

 
pon
Condividi