Il responsabile della sanità Peter Peyer
Il responsabile della sanità Peter Peyer (keystone)

Per Coira il 2G è un'opzione

La risposta a Berna: i Grigioni favorevoli al certificato anche per gli eventi all'aperto - Restrizioni per i non vaccinati non sono un tabù

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Governo retico accoglie favorevolmente l'estensione dell'obbligo del certificato nella sfera privata e chiede che venga applicato anche per gli eventi all'aperto con 100 o più persone. Inoltre, non vuole eccezioni per la politica, le autorità e gli eventi religiosi. L'Esecutivo grigionese ha risposto così alle proposte del Consiglio federale e si è spinto anche oltre auspicando che l'accesso alle discoteche sia concesso solo ai vaccinati e ai guariti senza l'obbligo di indossare la mascherina. In questo modo si eviterebbe la chiusura di questi locali.

Proposte nuove misure contro il covid

Proposte nuove misure contro il covid

Il Quotidiano di martedì 30.11.2021

 

E ancora: se le altre misure non dovessero generare gli effetti sperati, il cosiddetto 2G ("vaccinati e guariti") andrebbe generalizzato, riducendo quindi le possibilità sociali per i non immunizzati.

Coira accoglie già ora con favore l'eventualità del lavoro a domicilio obbligatorio solo per i non vaccinati. Laddove non fosse possibile, le persone "non vaccinate o non guarite" dovrebbero indossare la mascherina sul posto di lavoro.

Il Governo, infine, si oppone ai test scolastici obbligatori perché nei Grigioni i test nelle scuole e nelle aziende sono volontari e vi partecipano regolarmente quasi 67'000 persone. Pur essendo in linea di principio favorevole sulla proposta di ridurre il periodo di validità dei certificati dei test, l'Esecutivo retico ricorda infine che i laboratori di analisi sono attualmente oltre al limite delle loro capacità.

ATS/pon
Condividi