Bufera in Magistratura

Il Quotidiano di lunedì 14.09.2020

Procuratori, giudizio che suona impietoso

Emergono dettagli sui preavvisi negativi su 5 magistrati: mancanza di autorevolezza, scarsa produttività e poca celerità

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Suonano impietose le parole che potrebbero costare la rielezione a ben cinque procuratori pubblici ticinesi. In un documento di poche pagine infatti il Consiglio della magistratura solleva problemi quali mancanza di autorevolezza, scarsa produttività, poca celerità.

Con le sue critiche l'organo di vigilanza si spinge però anche molto più in là: c'è chi viene accusato di insufficiente presenza in ufficio, chi di minimalismo, chi di mancanza di oggettività e chi addirittura di rappresentare un rischio di danni per l'ente pubblico. E non è tutto: per alcuni di loro non ci sarebbe - per vari motivi addotti dal consiglio della magistratura - alcuna possibilità di migliorare la propria situazione. 

Un documento di fuoco insomma, richiesto e ottenuto oggi dalla Commissione giustizia del Gran Consiglio dove le bocche rimangono cucite. Fatto sta però che la delegittimazione di un quarto del Ministero pubblico solleva dubbi anche sul sistema di nomina da parte del Parlamento, dove la logica partitica ha un suo peso.

Ascolta le reazioni della politica nel servizio del Quotidiano.

Quot-Ascierto/dielle
Condividi