Psichiatra del Luganese alla sbarra (archivio Ti-Press)

Psichiatra alla sbarra

Rinviato a giudizio il medico del Luganese che avrebbe abusato di otto pazienti. Ipotizzata anche la truffa alle casse malati

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si profila il processo alle Assise Criminali per lo psichiatra del Luganese in carcere dal dicembre scorso. Martedì la procuratrice pubblica Chiara Borelli lo ha infatti rinviato a giudizio, alle Assise Criminali. Tra il novembre del 2012 al dicembre del 2018 il 54enne avrebbe abusato, nel suo studio, di otto pazienti.

Per sette dei casi ipotizzati l’accusa è di sfruttamento dello stato di bisogno. In uno si parla invece di atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere. Le indagini avrebbero accertato soprusi di vario genere, dai palpeggiamenti ai rapporti non completi. Con una delle vittime il medico, difeso dall’avvocato Niccolò Giovanettina, sarebbe andato persino (a due riprese) fino in fondo.

Alla sbarra – si è appreso venerdì – l’uomo dovrà rispondere anche del reato di truffa. Raggiro commesso ai danni delle casse malati, per avere fatturato alle assicurazioni le sedute in cui sarebbero avvenuti gli abusi. L’importo sarebbe di circa 10'000 franchi.

Per lo psichiatra Borelli chiederà una pena compresa tra i due e i cinque anni. Il 54enne, che ammette solo in parte gli addebiti mossi nei suoi confronti, non potrà beneficiare di alcuna scemata imputabilità. Lo ha stabilito la perizia giudiziaria, secondo la quale sussisterebbe inoltre un rischio di recidiva da basso a medio.

Psichiatra a processo

Psichiatra a processo

Il Quotidiano di venerdì 19.07.2019

 
Francesco Lepori
Condividi