Accoglienza tiepida per il salario minimo

Il Quotidiano di giovedì 12.12.2019

Salario minimo contestato

L'approvazione solleva critiche per ragioni opposte - Alcuni imprenditori temono pesanti conseguenze - Il sindacato UNIA pensa al referendum

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'introduzione in Ticino del salario minimo, approvata mercoledì sera dal Gran Consiglio, è contestato da più parti e non è escluso che i cittadini siano nuovamente chiamati a pronunciarsi sulla questione a oltre 4 anni e mezzo dalla votazione sull'iniziativa dei Verdi "Salviamo il lavoro in Ticino!". La legge approvata dal Parlamento che ha fissato la paga minima oraria tra i 19.75 e i 20.25 franchi non piace, per ragioni opposte, né a parte del mondo imprenditoriale né a parte del mondo sindacale.

CSI 18.00 del 12.12.19: la reazione di Oliviero Pesenti al microfono di Luigi Frasa
CSI 18.00 del 12.12.19: la reazione di Oliviero Pesenti al microfono di Luigi Frasa
 

Alcune associazioni cantonali di categoria che hanno una quota importante di manodopera frontaliera, come quella dell'orologeria presieduta da Oliviero Pesenti che dovrebbe aumentare i salari di circa un franco all'ora, temono che il loro settore possa entrare in crisi a causa dell'aumento del costo degli stipendi. Alcune aziende che prevedono grandi difficoltà a far quadrare i conti stanno già valutando la possibilità di ricorrere contro la novità che fa del Ticino il terzo cantone a livello svizzero a introdurre il salario minimo dopo il Giura e Neuchâtel.

CSI 18.00 del 12.12.19: il servizio di Agata Galfetti sugli effetti dell'introduzione del salario minimo nel Giura e a Neuchâtel
CSI 18.00 del 12.12.19: il servizio di Agata Galfetti sugli effetti dell'introduzione del salario minimo nel Giura e a Neuchâtel
 

Sull'altro fronte UNIA che, ritenendo del tutto insufficiente la paga oraria minima prevista, sta già valutando se lanciare il referendum. La decisione, ha spiegato alla RSI il sindacalista Vincenzo Cicero, sarà presa la prossima settimana.

Ad esprimere preoccupazione è anche l'Associazione industrie ticinesi (AITI). Ai nostri microfoni il direttore Stefano Modenini lancia l'allarme sul fronte dei contratti normali di lavoro temendo che gli stipendi attuali possano essere allineati al ribasso. Sarebbe un effetto indesiderato di una misura pensata per tutelare i 17'000 lavoratori, di cui 4'000 residenti, che attualmente in Ticino guadagnano meno del salario minimo fissato dalla legge.

Diem/CSI/Quot
Condividi