Campioni Covid
Campioni Covid (Keystone)

Test, cambia la strategia grigionese

Le autorità retiche obbligate a sospendere i tamponi ripetuti nelle aziende e nelle scuole

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Governo grigionese, a causa del propagarsi della variante Omicron, si vede costretto a concentrare i test ripetuti sulle strutture sanitarie e di assistenza, le scuole dell'infanzia, nonché le prime e seconde classi elementari. Per tale ragione, a partire dalle ore 12:00 di martedì 11 gennaio 2022 saranno sospesi i test ripetuti nelle aziende e nelle scuole.

Una scelta necessaria

I test regolari sono stati eseguiti in precedenza su 157 istituti e le aziende che partecipano ai test ripetuti sono circa 4’243 per un totale approssimativo di 66’022 lavoratori. Nel mese di dicembre 2021 sono stati effettuati circa 30’000 test a settimana. In precedenza questo strumento si era rivelato efficace per limitare e identificare in tempi rapidi gli asintomatici da isolare, evitando pertanto nuovi focolai e riducendo il danno finanziario all’economia provocato dall’assenza del personale in quarantena.

La variante Omicron si sta però diffondendo a macchia d’olio, causando il 95% dei contagi su suolo retico e mettendo in quarantena il 5% dei grigionesi. ll tasso di positività dai test nelle aziende si attesta inoltre al 6,7%, mentre quello nelle scuole all'1%. Un andamento che sta mettendo a dura prova i laboratori d’analisi, i quali impiegano spesso più di 48 ore per comunicare l’esito dei tamponi. Una tempistica troppo ampia che ostacola fortemente l’interruzione della catena di contagio e fa traballare lo scopo stesso dei test ripetuti.   

La scelta del Governo segue le linee guida dell’Ufficio federale della sanità pubblica relativa alle priorità che prevede, in presenza di ristrettezze circa la capacità d’analisi dei campioni, la limitazione dei test, in primo luogo, alle persone sintomatiche e ai rispettivi contatti.

Richiesta grande disciplina alla popolazione

L'Ufficio dell'igiene pubblica fa un appello accorato affinché i provvedimenti di protezione vigenti vengano rispettati in modo sistematico, permettendo così di garantire l'assistenza sanitaria. L’invito è quello di vaccinarsi, mantenere le distanze, indossare la mascherina, lavarsi accuratamente le mani, arieggiare i locali ed evitare i contatti. Questa è al momento l’unica ricetta per evitare un inasprimento dei provvedimenti nelle prossime settimane.

 
FaDa/Canton Grigioini
Condividi