In ospedale 177 pazienti
In ospedale 177 pazienti (tipress)

Ticino, più ricoveri ma casi in calo

Nelle ultime 24 ore il numero dei pazienti Covid è cresciuto a 177 – Registrati 1'028 contagi – Altre 18 sezioni di scuola dell’infanzia in quarantena

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il numero dei contagi si mantiene a livelli elevati in Ticino, ma, al contrario di quanto emerge per i ricoveri, vi sono segnali di una tendenziale diminuzione del numero dei casi quotidiani. Lunedì mattina le autorità sanitarie hanno reso noto che nelle ultime 24 ore sono state registrate 1'028 positività. La scorsa settimana in totale sono quindi state 9'149. Si tratta di quasi 1'000 infezioni meno di quelle dei 7 giorni precedenti quando erano state 10'073. Nell'ultimo mese, dal 24 dicembre 2021, in Ticino si sono registrati quasi 39'000 contagi.

 

La variante Omicron è diffusa in tutte le classi di età, compresi i bambini. Lunedì il Dipartimento educazione, cultura e sport ha reso noto che altre 18 classi della scuola dell’infanzia sono state messe in quarantena. In totale le classi che in questi giorni non possono seguire le normali attività scolastiche sono 22.

Nuove infezioni vengono registrate anche nelle case anziani. L'ADICASI ha registrato 25 nuovi residenti positivi (totale: 111), mentre 2 sono stati trasferiti in ospedale e 19 sono guariti.

 

Il numero dei pazienti è invece cresciuto. Il loro numero è aumentato da 163 a 177 con una cresciuta di 14 in sole 24 ore. Un dato che non si vedeva da inizio gennaio. In leggera flessione invece i casi più gravi con 15 persone in cure intensive (-2).

Superati i 50'000 contagi nei Grigioni

Con le 447 infezioni annunciate lunedì dalle autorità cantonali retiche i contagi da coronavirus nei Grigioni hanno superato la soglia dei 50'000 da inizio pandemia su una popolazione di 200'000 abitanti. E' il dato più basso dell'ultima settimana. I casi attivi (le persone costrette in isolamento) sono scese di quasi 500 unità e sono 2'785, con 1'803 persone ancora in quarantena.

 

Le regioni proporzionalmente più colpite restano quelle di Maloja e Bernina. Non si registrano decessi per il quarto giorno consecutivo, il bilancio complessivo resta fermo a 241 morti. Negli ospedali i pazienti ricoverati scendono da 40 a 39, da 6 a 5 quelli in terapia intensiva, tutti sottoposti a ventilazione artificiale.

 
Diem/pon
Condividi