La discarica di inerti a Mezzovico
La discarica di inerti a Mezzovico (©Ti-Press)

Ticino, servono più discariche

Il Governo vuole riciclare più inerti in quattro siti logistici. Tuttavia i siti attuali non bastano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Canton Ticino vuole gestire in modo integrato i materiali inerti, le cave e le discariche. Lo vuole fare minimizzando l’impatto territoriale. Per farlo ha aggiornato le schede di piano direttore (PD) e propone la realizzazione di quattro centri logistici cantonali – uno per ogni agglomerato – per la lavorazione degli inerti e per il riciclaggio dei rifiuti edili. Lo scopo, si legge in un comunicato martedì, è incrementare il tasso di riutilizzo dall’attuale 50% al 70%.

Purtroppo i siti esistenti o pianificati non sono sufficienti per i prossimi 20 anni. Vengono così proposte nuove discariche. "Siamo riusciti a soddisfare chi si era opposto ad alcune ubicazioni: come Genestrerio, Petasio e in zona Losone", ha spiegato Giovanni Bernasconi, capo della Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo, alle Cronache della Svizzera italiana.

Il Consiglio di Stato ha adottato le modifiche delle schede del PD e ha lanciato la consultazione su quella per le cave, molto importanti nelle valli ticinesi (Riviera e Valle Maggia). La pubblicazione avverrà il 28 giugno e durerà un mese.

Red. MM/CSI

Condividi