Casa Astra, centro per i senzatetto
Casa Astra, centro per i senzatetto (Ti-Press)

"Troppo freddo per dormire fuori"

La storia di Dumitru, un senzatetto che dopo 12 notti passate in stazione ha trovato ospitalità. Don Feliciani apre le porte della chiesa di Chiasso

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Ho dormito 12 notti in stazione a Chiasso e una notte all'aperto in un parco, ma fa davvero troppo freddo". Sono le parole di Dumitru, 44 anni, due figli lasciati in Romania dai nonni, una ex moglie che vive in Italia e nulla in tasca. Grazie alla solidarietà di alcune persone ha trovato mercoledì un tetto a Casa Astra, a Ligornetto. Dumitru è arrivato in Svizzera in ottobre per cercare un posto di lavoro. Inizialmente è stato ospitato da un conoscente di Locarno, poi ha trovato un'occupazione senza contratto nel Bellinzonese come stalliere, ma è durata poco. Dopo questa breve esperienza lavorativa, Dumitru ha girovagato fino a oggi, chiedendo la carità. Ora è stato registrato a Casa Astra e ci rimarrà finché potrà.

Nel frattempo Don Feliciani, parroco di Chiasso, ha deciso di aprire le porte della sua chiesa per ospitare chi - come Dumitru - non ha un tetto: "Abbiamo qualche localino nel seminterrato, si fa un po' di spazio, si piazzano i materassi e qualche lettino ed è fatta. Abbiamo bisogno di rimboccarci le maniche e lasciare che il cuore, finalmente, tocchi il nostro cervello". Un'esperienza partita così, da un campanello: "L'altra notte hanno suonato alle 11 di sera, era gente che non sapeva dove andare e io mi chiedo... 'come fai a fare niente'"?

CSI/CaL

Dal Quotidiano:

Senzatetto, Chiasso cerca soluzioni

Senzatetto, Chiasso cerca soluzioni

Il Quotidiano di venerdì 13.01.2017

Condividi