Piove, la gatta non si muove... figurarsi i turisti
Piove, la gatta non si muove... figurarsi i turisti (©Ti-Press)

Turismo, "estate" da incubo

La stagione estiva del 2014 sarà ricordata come la seconda peggiore degli ultimi 22 anni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La stagione turistica estiva del 2014 sarà ricordata come una dei peggiori degli ultimi 22 anni – la seconda peggiore, per la precisione, dopo quella del 2012. Lo dicono le statistiche, ancora provvisorie, diffuse venerdì dall’Osservatorio del turismo (O-Tur) dell’Università della Svizzera italiana (USI), secondo le quali il totale dei pernottamenti da maggio a ottobre (1'685'050 unità) è calato del 4,8% rispetto allo stesso periodo del 2013. Il tonfo sarebbe da imputare alle avverse condizioni cliamtiche.

Bene han fatto solo Bellinzona e l’Alto Ticino (+4,1% dei pernottamenti a fronte di una calo degli arrivi di 6,1 punti percentuali). Male tutti gli altri: Lugano (-5.6% delle presenze), Lago Maggiore e Valli (-5,7%) e Mendrisiotto (-6,6%).

Simili anche i risultati del mese appena trascorso. A ottobre i numeri indicano una riduzione dei pernottamenti alberghieri pari al 5,1% rispetto al 2013 (11’3809 presenze in meno) e un calo degli arrivi dei turisti: -3,1% (3'097 in meno).

Ticino e Friburgo sono gli unici cantoni in perdita. Nel resto della Svizzera, sia a livello regionale che globale, si è registrata una crescita.

Estate positiva per il turismo svizzero nel suo insieme

Per saperne di più:

Qui il rapporto completo.

Red MM/ab

Dal Quotidiano:

Condividi