Un corteo da record

In 25'000 ad ammirare i 56 carri e gruppi al Rabadan – Nei primi tre giorni 13'000 pass venduti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sa di primavera la 157esima edizione del Rabadan a Bellinzona. Oggi, domenica, il carnevale ha raggiunto il suo apice con un corteo mascherato da record: erano infatti ben 25’000 le persone presenti per gustarsi la sfilata di 56 fra carri e gruppi.

Dopo giorni di bagordi è anche tempo per i primi bilanci: sono 13’000 i pass settimanali venduti durante i primi tre giorni, in media con gli scorsi anni. Finora tutto si è inoltre svolto senza problemi rilevanti dal punto di vista della sicurezza pubblica e gli organizzatori non hanno notato nessuna diminuzione delle presenze per timore del coronavirus.

Oltre all'occhio di riguardo all'ecologia e alla sicurezza, carnevale è soprattutto sinonimo di satira, dalla copiosa stagione fungina e relative multe per quantitativi oltre il limite, passando per il 5G fino, la querelle EOC-Cardiocentro, l’aeroporto di Agno fino ad arrivare alla canicola e al clima, che anche in questi giorni di febbraio sta regalando giornate primaverili.

Il divertimento continuerà fino a martedì notte, ovvero finché la città rimarrà nelle mani di Re Rabadan.

I vincitori

Carri

  1. Maninchiaghi (Biasca) -  “Se in caserma to vo mangiaa, cèss e pätüsc déu mia mancaa!"
  2. Früsa Takia (Biasca) - “Willy ol coyote o la cùrò e ol Gobbi Beep Beep in dra trapa o ga resctòò”
  3. La Franconi Ghellit (Biasca) – “Le battaglie di TI-CILIA”

Gruppi:

  1. Spargürei Mostri (Malvaglia) - "Butterfly Effect: L’è ora da fal, basta ves Oroc, trasformemas in farfall!"
  2. Ester@Fatti (Chiasso) – FETE DES VIGNERONS - Se ul temp e ul finzi Pasca a ta dànn ul düu da picc...tacass al fiasc e all'alambicc!!
  3. Combricola di Formighin (Biasca) - "Cor 5G torna a cà anga r'E.T"
Quot/dielle
Condividi