Una nuova organizzazione per la capitale cantonale
Una nuova organizzazione per la capitale cantonale (keystone)

Verso la nuova Bellinzona

Il Governo approva il progetto di aggregazione per 13 comuni, aiuti per 49,6 milioni di franchi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Consiglio di Stato ha approvato giovedì il messaggio che propone l’aggregazione di Bellinzona, Camorino, Claro, Giubiasco, Gnosca, Gorduno, Gudo, Moleno, Monte Carasso, Pianezzo, Preonzo, Sant’Antonio e Sementina nel nuovo Comune di Bellinzona.

Sono questi i 13 comuni che in votazione, lo scorso 18 ottobre, si erano espressi a favore del progetto, che comprendeva anche l'adesione di Arbedo-Castione, Cadenazzo, Lumino e Sant'Antonino.

Prima del voto, il cantone aveva previsto lo stanziamento di 52,6 milioni di franchi. I contributi, data l'assenza di 4 delle 17 località considerate inizialmente, sono scesi a 49,6 milioni, una differenza minima di cui le località interessate in un comunicato comune si rallegrano perché "conferma la volontà del Governo di sostenere un'aggregazione di importanza cantonale".

Il messaggio passerà ora al vaglio del Gran Consiglio, per un iter che i sindaci si augurano rapido. Se dovesse essere approvato, le elezioni comunali della nuova grande Bellinzona verranno fissate per domenica 2 aprile 2017 e domenica 30 aprile 2017 (per l’elezione del sindaco), riservati referendum e procedure ricorsuali.

ZZ/pon

Dal Quotidiano:

Aiuti per la nuova Bellinzona

Aiuti per la nuova Bellinzona

Il Quotidiano di giovedì 28.01.2016

Per saperne di più:

 
Condividi