tipress
tipress (Ti-Press / Ti-Press)

Valegion tenuto d'occhio

In mattinata riposizionati i sensori in quota

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

All'indomani della caduta della frana sopra Preonzo, oggi i geologi sono saliti fino alla zona da dove si sono staccate i 300'000 metri cubi di roccia e terreno scesi a valle, per riposizionare la strumentazione che consentirà di tenere d'occhio l'evoluzione della situazione. In serata la strada cantonale tra Lodrino e Gorduno è stata riaperta. Le aziende rimangono per ora chiuse.

Vengono inoltre valutate le conseguenze delle precipitazioni annunciate da MeteoSvizzera per il fine settimana. La pioggia inevitabilmente farà scivolare a valle nuovi detriti. Nel pomeriggio si è tenuta una riunione di valutazione.

Per decenni la montagna sopra Preonzo porterà i segni della frana caduta nella notte su martedì. Ascolta in proposito il servizio di Sharon Bernardi.

Condividi