#ioaiuto (5) — Si può sognare

La testimonianza di Sabrina: l'impegno e la delicatezza di un affido, soprattutto nelle festività

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Quando scatta l’affido d’urgenza non è mai facile per nessuna delle parti coinvolte. Sono stravolgimenti delicati e faticosi, emotivamente e psicologicamente. L’obiettivo è la protezione del minore.

L’Associazione ticinese delle famiglie affidatarie possiede una rete di persone che si mettono a disposizione per l’affido d’urgenza, quello che viene attivato in situazioni come l’incarcerazione o il ricovero dell’unico genitore, situazioni di maltrattamenti, ecc.

I minori si ritrovano in una nuova casa, con persone che non conoscono ma di cui con il tempo iniziano a fidarsi perché li fanno sentire al sicuro, protetti e capiti. Sono esperienze che riescono a ridare al giovane quella serenità che consente loro di sentirsi importanti e utili, innanzitutto a loro stessi. Basta poco per farli arrivare a porsi degli obiettivi per il loro futuro. Basta poco per sognare perché... si può sognare.

Pervin Kavakcioglu/CSI - (5-continua)

 
Condividi