La nuova candidissima facciata del Palazzo del cinema (RSI)

Venezia ai nastri di partenza

Mancano pochi minuti all'inaugurazione della Mostra

mercoledì 30/08/17 18:34 - ultimo aggiornamento: mercoledì 30/08/17 21:38

A pochi minuti dalla cerimonia serale di inaugurazione della 74esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia (dal 30 agosto al 9 settembre), il Lido mostra segni di fermento e impazienza. Le forze dell’ordine si stanno ancora coordinando su quali controlli fare, si montano le ultime barriere, ma su tutto splende la nuova facciata della Sala Grande e la pavimentazione davanti al palazzo del cinema: tutto elegantemente bianco.

Al festival di quest’anno non mancano le novità: la nuova sezione Virtual Reality, dedicata ai nuovi mezzi espressivi tecnologici legati al cinema, tra i cui titoli risalta il cortometraggio della grande artista Laurie Anderson, musa e compagna di vita di Lou Reed.

The Leisure Seeker di Paolo Virzì

 

E tanto cinema italiano che, una volta tanto, non sembra essere stato selezionato in virtù della nazionalità; anzi lo stesso direttore Alberto Barbera ha affermato la nascita di una nuova corrente di giovani registi – e la conferma di alcuni grandi nomi - pronti a rilanciare il Made in Italy in una dimensione di grande qualità e internazionale.

Charlotte Rampling in Hannah

Solo nella competizione ufficiale, ben 4 i titoli: Ammore e malavita dei bizzarri Manetti Bros, su camorra e cantanti melodici; Hannah di Andrea Pallaoro che ha come unico personaggio una sempre splendida Charlotte Rampling in scena dalla prima all’ultima inquadratura; Una famiglia di Sebastiano Riso sul tema dell’utero in affitto; The Leisure Seeker, ovvero il primo film americano di Paolo Virzì con Helen Mirren e Donald Sutherland: una commedia dolceamara ma anche un road movie attraverso il Sud degli States.

Suburbicon di George Clooney


Fra il film di apertura Downsizing diretto da Alexander Payne di cui è protagonista Matt Damon e quello di chiusura Outrage, di Takeshi Kitano con la sua l’ironia irresistibile, tanti i titoli da citare: Mother! di Darren Aronofsky con Jennifer Lawrence; Suburbicon di George Clooney da una sceneggiatura dei fratelli Coen; Our Souls at Night prodotto da Netflix, con protagonisti Jane Fonda e Robert Redford che quest’anno riceveranno il Leone d’Oro alla Carriera; Il colore nascosto delle cose di Silvio Soldini con Adriano Giannini e Valeria Golino (coproduzione svizzera di Ventura Film e RSI); Manhunt di John Woo, remake di un classico giapponese del thriller poliziesco.

Sulla carta si prefigura una Mostra super appetitosa!

Francesca Felletti

TG 20 di mercoledì 30.08.2017  

 

Seguici con