Si presenta così
Si presenta così (keystone)

Ocean Cleanup passa ai fiumi

Il progetto "acchiappa plastica" dell'olandese Boyan Slat ha dato i primi frutti in mare, ora si guarda all'origine del problema

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Boyan Slat, il giovane olandese che con il suo progetto "Ocean Cleanup" vuole ripulire gli oceani dalla plastica -e il suo galleggiante è stato di recente testato con successo- ha presentato nei giorni scorsi a Rotterdam il modo per affrontare il problema alla radice: gran parte della plastica che finisce in mare, infatti, vi arriva dai fiumi. Ecco allora una chiatta che, ancorata, è in grado di intercettare fino a 50 tonnellate di rifiuti al giorno e, secondo il 25enne inventore e imprenditore, "in condizioni ideali anche il doppio".

Boyan Slat
Boyan Slat (keystone)

"The Interceptor", così si chiama, misura 24 metri, funziona a energia solare e può lavorare 24 ore su 24. Una barriera ricurva indirizza il materiale verso la "gola" del mezzo, da dove è convogliato in uno dei sei contenitori. Una volta riempiti questi ultimi, agli operatori arriva il messaggio che vanno cambiati.

Due mezzi sono già in servizio in Indonesia e Malaysia, un terzo arriverà presto in Vietnam e uno in Repubblica Dominicana. Obiettivo: raggiungere i 1'000 fiumi più sporchi del mondo nei prossimi 5 anni.

ATS/pon
Condividi