(facebook.com/NeilYoungArchives)

Neil Young fa causa a Trump

Lo accusa di aver usato illegalmente due sue canzoni, Rockin' in the Free World e Devil's Sidewalk, al comizio di Tulsa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Neil Young fa causa a New York alla campagna di Donald Trump accusandola di aver usato illegalmente due sue canzoni, Rockin' in the Free World e Devil's Sidewalk, al comizio di Tulsa.

 

La decisione - ha spiegato l'avvocato del musicista, Ivan Saperstein - non vuole essere una mancanza di rispetto verso i diritti e le opinioni dei cittadini americani, che sono liberi di sostenere il candidato che vogliono.

"Ma in buona coscienza Young non può consentire che le sue canzoni siano usate per una campagna divisiva e anti americana di odio e ignoranza", ha aggiunto.

I due brani erano stati suonati anche in occasione del comizio di Trump il 4 luglio al Monte Rushmore.

ats/joe.p.

Condividi