Il reclamo era giunto dall'associazione per i consumatori
Il reclamo era giunto dall'associazione per i consumatori (Keystone)

Non è pubblicità occulta

Federer e Tchoumitcheva non sono colpevoli di promuovere illegalmente prodotti e marchi sui loro account social

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'asso del tennis Roger Federer e la modella luganese Xenia Tchoumitcheva non sono colpevoli di pubblicità occulta sui social media, al contrario dello snowboarder Iouri Podladtchikov e della star del mountain bike Jolanda Neff: lo ha stabilito la Commissione svizzera per la lealtà, rispondendo a un reclamo presentato dall'associazione per i consumatori che li accusava di aver presentato sui loro account prodotti o marchi d'abbigliamento senza indicare la natura pubblicitaria dei contenuti.

La Commissione non nega l'esistenza di una comunicazione commerciale: gli account della Tchoumitcheva però sono di natura puramente commerciale, e quindi non è necessario indicare in ogni singolo contributo che si tratta di pubblicità.

Mentre nel caso di atleti come Federer, avviene di frequente che si mostrino i loghi di marchi conosciuti: per il pubblico è chiaro che si tratta di messaggi puramente commerciali.

ATS/Nad
Condividi